Il fumo di sigaretta: come e perché incide sul processo di guarigione delle ferite


La pelle, l'organo che rappresenta la prima barriera fisica tra l'organismo e l'ambiente esterno, è quotidianamente esposta a fattori esogeni potenzialmente dannosi, come le radiazioni UV, i microrganismi patogeni o i composti volatili inquinanti, svolgendo un ruolo essenziale nei meccanismi di protezione e difesa.

Diversi studi sostengono che l'esposizione prolungataal fumo di sigaretta abbia effetti negativi sulla nostra pelle. In particolare, un recentissimo lavoro pubblicato su Journal of Integrative Biology sostiene che il fumo di sigaretta diminuisce la capacità di guarigione delle ferite. I risultati di questa ricerca hanno, infatti, dimostrato che il tabacco modifica l'espressione di circa 140 proteine dei cheratinociti, ovvero le cellule più abbondanti dell'epidermide implicate nel meccanismo di protezione e guarigione della pelle in seguito a lesioni.

Gli Autori dello studio hanno osservato alterazioni, ad esempio, in diverse proteine coinvolte: nel mantenimento dell'integrità della barriera epiteliale, come la cheratina, la cistatina A e la periplachina; nella risposta allo stress ossidativo, un meccanismo fisiologico che il nostro organismo mette in atto per difendersi da molecole potenzialmente dannose come i radicali liberi; ed infine nelle proteine coinvolte nel mantenimento di una corretta idratazione della pelle.

Inoltre, una significativa riduzione nella capacità di guarigione da parte dei cheratinociti è dovuta all'incremento dell'espressione di due fattori: NRF2 e MMP9; il primo, è responsabile della risposta allo stress ossidativo, il secondo, invece, è un membro della famiglia delle collagenasi di tipo IV, implicato nel processo di guarigione delle ferite.

Pertanto, sebbene siano necessarie ulteriori indagini sul ruolo delle molecole che subiscono delle alterazioni in seguito all'esposizione al fumo di tabacco, questo studio potrebbe essere utile per identificare potenziali interventi per ritardare o prevenire i danni della pelle indotti dal fumo e garantire un normale processo di guarigione delle ferite.


Fonte:
Rajagopalan P, et al. How Does Chronic Cigarette Smoke Exposure Affect Human Skin? A Global Proteomics Study in Primary Human Keratinocytes. OMICS 2016 Nov;20(11):615-26.


Pubblicato il 21 dicembre 2016

Con il patrocinio di

logo fofi