Ferite post-chirurgiche

 

Consigli pratici nella gestione delle ferite post-chirurgiche

Un intervento chirurgico, indipendentemente dall'entità, è un evento stressante per l'organismo. Alcuni accorgimenti pratici, quindi, possono rendere più semplice la gestione delle ferite post-chirurgiche:

  • è opportuno un adeguato periodo di riposo prima di ricominciare le normali attività lavorative;
  • fare attenzione che la ferita non secerna eccessivo sangue o siero, tale indicazione si può desumere dalla quantità di liquido che viene assorbita dal tampone della medicazione chirurgica;
  • fare attenzione che la ferita non sia particolarmente gonfia o arrossata: in questo caso sarebbe utile contattare il medico. Anche questa eventualità si desume guardando i bordi della medicazione, che se è trasparente facilita la valutazione di un arrossamento o gonfiore improprio;
  • se si avverte molto dolore, in assenza dei segni e sintomi sopra citati, è consigliabile sedarlo con l'uso di opportuni antidolorifici prescritti dal medico;
  • verificare sempre che la feritasia adeguatamente pulita e ben protetta;
  • evitare l'esposizione diretta della ferita ai raggi solari. La zona lesa, infatti, tende a iperpigmentarsi e potrebbe quindi rimanere ben evidente anche dopo la totale guarigione.

 

Come curare le cicatrici dopo l'operazione

La cicatrizzazione è un processo naturale che avviene quando la pelle si rigenera in seguito a una lesione. Per ridurre la possibilità che la cicatrice rimanga evidente dopo la guarigione, ci sono piccole manovre da poter eseguire:

  • evitare il lavaggio diretto della ferita per i primi giorni: l'impiego di medicazioni post-chirurgiche impermeabili all'acqua ma gas-permeabili consente di fare un bagno con doccia veloce. Nell'asciugarela zona interessata è importante agire delicatamente senza strofinarla con forza;
  • evitare l'esposizione diretta ai raggi solari almeno per i primi 2 mesi. La ferita esposta al sole tende infatti a iperpigmentarsi e quindi è raccomandabile l'uso di creme solari protettive;
  • mantenere la ferita sempre pulita. L'infezione, infatti, influenza in modo negativo la corretta cicatrizzazione;
  • contattare il medico curante se nei giorni successivi compaiono rossore, dolore, gonfiore o febbre.

 

Pubblicato il 14 novembre 2016

Con il patrocinio di

logo fofi